La responsabilità degli amministratori delle Organizzazioni di Volontariato

La responsabilità degli ammministratori delle Organizzazioni di VolontariatoLe Organizzazioni di Volontariato, pur costituendo il più delle volte associazioni non riconosciute, basate esclusivamente sull’attività gratuita, libera e spontanea degli aderenti ed ispirata da un autentico fine solidaristico ed altruistico, non sono esonerate dal regime di responsabilità che riguarda ogni soggetto giuridico, risultando peraltro ricomprese tra i destinatari della disciplina di cui al D.Lgs. n. 231/2001, concernente la responsabilità degli enti collettivi per i reati commessi nell’interesse o a vantaggio degli stessi enti. Nell’intento di approfondire tale tematica, il testo illustra quali sono i doveri degli organi che dirigono un’associazione (presidente, consiglio direttivo e, ove esista, direttore), le conseguenze cui vanno incontro se non rispettano i loro doveri, nonché le misure e le procedure da adottare nella vita associativa per limitare e contenere la responsabilità, soprattutto alla luce delle previsioni di cui al D.Lgs. n. 231/2001; esso, inoltre, è corredato da un fac-simile di modello organizzativo secondo le previsioni del su citato D.Lgs.

bibcsvsn_13_responsabilita_amministratori_odv.pdf