Bando di idee di Promozione del Volontariato 2014-2015

BANDO DI IDEE PER LA PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO
1 PREMESSA

Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (di seguito indicato con CSVSN) prosegue le iniziative a sostegno delle Organizzazioni di Volontariato (di seguito indicate OdV) realizzate allo scopo di perseguire le proprie finalità di crescita della cultura della solidarietà e di promozione del Volontariato proponendo il presente bando di idee con l’obiettivo di promuovere:

la cultura della solidarietà e il valore della cittadinanza attiva attraverso il coinvolgimento di tutti i cittadini e in particolare i giovani;

la costituzione di nuove realtà di volontariato e il potenziamento delle competenze di quelle già esistenti;

la costituzione di coordinamenti e rappresentanze del volontariato e il potenziamento delle competenze di quelle già esistenti;

rapporti ed interazioni tra le OdV e gli altri attori sociali del territorio.

Il presente Bando di idee rappresenta una delle modalità attraverso le quali il CSVSN realizza attività di promozione del volontariato in co-gestione con le organizzazioni di volontariato.

Ogni OdV può proporre idee, presentando progetti da realizzarsi attraverso iniziative da attivare a livello locale.
2 LE ATTIVITÀ AMMISSIBILI

Le attività devono avere la promozione del volontariato come unico obiettivo, definito in maniera chiara ed esplicita.

Non saranno ammessi progetti che trattano temi di carattere generale o imperniati principalmente sulle attività ordinarie della OdV.

Fermo restando tale imprescindibile presupposto, più specificatamente si individuano le seguenti attività:

1. percorsi di sensibilizzazione e avviamento al volontariato nelle scuole di ogni ordine e grado;

2. percorsi di sensibilizzazione e avviamento al volontariato rivolti ai bambini, agli adolescenti e ai giovani nei contesti extrascolastici;

3. percorsi di sensibilizzazione e avviamento al volontariato che prevedano anche esperienze quali mostre, convegni, seminari, tavole rotonde, spettacoli teatrali,eventi comunicativi e di approfondimento, feste, cooperazione internazionale, rivolti alla cittadinanza in generale, agli aspiranti volontari e alle OdV.

Le idee progettuali dovranno rispondere alle seguenti caratteristiche:

capacità “interassociativa”: a partire dalla fase di pianificazione progettuale fino alla realizzazione pratica, le iniziative devono riconoscere ed applicare il valore del lavoro di partenariato, attraverso la realizzazione di proposte progettate e realizzate da più organizzazioni.

capacità “proiettiva”: le proposte devono prevedere gli strumenti necessari alla verifica e al monitoraggio delle azioni previste dal progetto e considerare i risultati attesi e la loro diffusione come elementi fondamentali.
3 SOGGETTI DESTINATARI E REQUISITI SOGGETTIVI

Possono presentare i progetti le OdV con sede legale o, comunque, con sede operativa formalmente istituita, nel territorio della ex Provincia di Bari che si trovino nelle seguenti condizioni:

iscritte al registro regionale di cui alla L. 266/91 e alla L.R. 11/94 alla data di scadenza del bando; in tal caso le OdV dovranno produrre copia del certificato di iscrizione a tale registro, nonché bilancio consuntivo 2013 regolarmente approvato dagli organi statutari con relativo verbale dell’assemblea,

non iscritte al registro regionale di cui alla L.266/91 e L.R. 11/94; in tal caso le OdV dovranno produrre copia dell’atto costitutivo e dello statuto da cui si deve evincere il possesso dei requisiti della L.266/91, nonché bilancio consuntivo 2013 regolarmente approvato dagli organi statutari con relativo verbale dell’assemblea.

Il progetto può anche essere presentato da una OdV in rappresentanza di partnership, ovvero avvalendosi per la realizzazione del progetto di altri soggetti partner (OdV, altre Associazioni del Terzo Settore ed enti vari).

In tal caso, unico referente nei confronti del CSVSN sarà l’OdV proponente e dovrà essere ben definito il ruolo degli altri soggetti partner, i quali ferma restando la possibilità di cofinanziare il progetto, potranno partecipare e collaborare al progetto stesso esclusivamente a titolo gratuito. In particolare, si precisa che i soggetti partner e, a titolo personale, i loro legali rappresentanti, amministratori, soci e/o aderenti non potranno ricevere alcuna somma, compenso e/o remunerazione, in via diretta o indiretta, per i servizi forniti e le prestazioni rese nell’ambito del progetto.

In ogni caso ciascuna OdV può presentare un solo progetto di idee di promozione in qualità di proponente e partecipare al massimo ad altri due progetti come partner.

In caso di OdV strutturate a livello regionale e/o provinciale e che abbiano autonomia giuridica ed un proprio codice fiscale, possono presentare il progetto al massimo tre OdV, purché siano sezioni locali diverse operanti nella ex provincia di Bari.

In caso di OdV strutturate a livello regionale e/o provinciale con gruppi e/o sezioni locali aventi diverse sedi – che non abbiano autonomia giuridica ed un proprio codice fiscale – il progetto può essere presentato dalla OdV per una sola delle sezioni locali e/o sedi operanti nella ex provincia di Bari.

L’OdV proponente dovrà possedere i requisiti e le capacità gestionali per condurre il progetto, che non può essere delegato o gestito da altre organizzazioni, cooperative o enti.

Il 40% delle risorse sono destinate a OdV che non siano mai state assegnatarie di progetti di promozione.

4 SCADENZE

I progetti con i relativi documenti allegati dovranno essere inviati a mezzo posta raccomandata a. r. in duplice copia di cui una con firme in originale del rappresentante legale e dei partner e su supporto informatico (CD o DVD- allegato B e abstract) al CSVSN, farà fede il timbro postale, o mezzo Pec (posta elettronica certificata) al seguente indirizzo csvsn@pec.csvbari.com, entro e non oltre il 16 gennaio 2015, pena l’esclusione. Si precisa che il titolare della casella di Posta elettronica certificata, da cui inviare la domanda, dovrà essere l’associazione proponente.Il CSVSN s’impegna ad approvare i progetti entro l’9 febbraio 2015. L’accettazione della copertura finanziaria, da parte delle associazioni beneficiarie, dovrà avvenire entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione formale. L’avvio dei progetti deve essere comunicato per iscritto al CSVSN almeno 15 giorni prima.

5 CONDIZIONI ESSENZIALI DI AMMISSIBILITÀ

Costituiscono requisiti e condizioni essenziali di ammissibilità:

1. il possesso da parte del soggetto proponente dei requisiti soggettivi di cui all’art.3;

2. il rispetto del termine per la presentazione del progetto indicato all’art.4;

3. l’individuazione del luogo, nell’ambito territoriale della ex provincia di Bari, in cui deve essere realizzato il progetto;

4. la previsione della conclusione formale del progetto entro il 30 Novembre 2015;

5. l’individuazione nel progetto di un programma strutturato in fasi e definito con chiarezza di obiettivi e risultati misurabili;

6. il possesso dei requisiti e delle capacità gestionali per condurre il progetto che non può essere delegato o gestito da altre organizzazioni, cooperative o enti;

7. il rispetto dei requisiti di sicurezza e di agibilità previsti dalla legge per le sedi di svolgimento dell’iniziativa.

La mancanza di uno dei su elencati requisiti costituisce motivo di esclusione.

6 DOCUMENTAZIONE ESSENZIALE

Il soggetto proponente dovrà presentare entro il termine indicato all’art. 4, a pena di esclusione, la domanda di partecipazione (allegato A) integralmente compilata in modo perfettamente leggibile e sottoscritta dal legale rappresentante, corredata dei seguenti allegati:

1. formulario di presentazione del progetto (allegato B), compilato in ogni sua parte e sottoscritto dal legale rappresentante della OdV proponente e dei partner del progetto, da presentarsi anche su supporto informatico (CD o DVD);

2. consenso al trattamento dei dati (allegato C) sottoscritto dal legale rappresentante della OdV proponente e dei partner del progetto;

3. copia del documento d’iscrizione al registro regionale (solo per le OdV iscritte);

4. copia dello statuto e dell’atto costitutivo (per le OdV non iscritte al registro regionale);

5. bilancio consuntivo 2013 regolarmente approvato dagli organi statutari con relativo verbale dell’assemblea sottoscritto dal legale rappresentante della OdV;

6. relazione sull’attività rientrante nei propri scopi statutari, svolta nell’anno 2014,sottoscritta dal legale rappresentante della OdV;

7. documento attestante l’esistenza di una sede operativa nel territorio della ex provincia di Bari (solo per le OdV con sede legale nazionale o regionale non rientrante nel territorio della ex provincia di Bari);

8. fotocopia del documento d’identità del rappresentante legale dell’OdV proponente;

9. lettere di adesione al progetto da parte degli Enti che collaborano alla realizzazione dello stesso;

10. certificazione attestante la sussistenza dell’agibilità e il rispetto dei requisiti di sicurezza relativi alla struttura di svolgimento dell’iniziativa; in alternativa potrà essere presentata autocertificazione del proprietario o del gestore della struttura ai sensi del DPR 445/2000 attestante quanto sopra, corredata dal documento di riconoscimento del dichiarante;

11. abstract del progetto su supporto informatico CD o DVD (breve descrizione del progetto massimo 1.000 battute).

La mancata presentazione e/o l’incompletezza di uno solo dei su elencati documenti o la loro difformità dal contenuto dei modelli (A, B e C), che allegati al presente bando ne costituiscono parte integrante, comporterà l’esclusione della domanda.

7 RUOLO DEL CSVSN

Il CSVSN concorrerà attivamente nella realizzazione dei progetti attraverso le seguenti modalità:

l’affiancamento ed il supporto in itinere ai referenti di ciascun progetto relativamente alla realizzazione, valutazione e rendicontazione dell’iniziativa;

la pubblicizzazione generale e diffusa di tutte le iniziative approvate, tramite il sito Internet, la news letter del CSVSN ed i comunicati stampa;

la possibile messa a disposizione di strumenti e attrezzature di cui il CSVSN dispone per la realizzazione dell’iniziativa (pc, videoproiettore, lavagna luminosa, fotocopie);

copertura delle spese approvate e documentate inerenti l’iniziativa.

Il CSVSN si riserva la pubblicazione sul proprio sito internet dell’elenco dei progetti approvati e degli abstract.

8 SELEZIONE DEI PROGETTI

I progetti saranno selezionati da una Commissione tecnica nominata dal Consiglio Direttivo del CSVSN che valuterà, a suo insindacabile giudizio, la loro ammissibilità.

I progetti saranno valutati sulla base di una graduatoria stilata secondo i seguenti criteri:

1. Innovazione 0 – 25 punti

Verrà considerata la nuova attività dell’OdV ma anche l’innovazione rispetto all’ambito, all’approccio, alla metodologia adottata. Sarà considerato non innovativo un progetto già proposto precedentemente al CSVSN.

2. Congruenza generale 0 – 15 punti

Si terrà conto della congruenza fra progettualità, organizzazione, metodologia e si valuterà inoltre la coerenza tra attività ed esperienze pregresse dei proponenti e la proposta presentata.

3. Qualificazione dell’associazione proponente e dei partner 0 – 15 punti

Tale qualificazione è valutata in ordine alla struttura organizzativa, alla rappresentatività sul territorio, alla significatività delle esperienze pregresse, alla capacità di gestione di finanziamenti pubblici e del CSVSN.

4. Emergenza 0 – 15 punti

Si terrà conto dei servizi attivati che andranno a rispondere a bisogni rispetto ai quali si rileva effettivamente una particolare urgenza ed emergenza. Attenzione verrà data ai progetti che dimostreranno un raccordo/collegamento con gli Enti Locali di riferimento o con qualsiasi altra indagine/ricerca di settore che abbia definito i bisogni di un dato territorio e la scala delle priorità degli interventi.

5. Incidenza del volontariato 0 – 15 punti

Si valuterà il numero dei volontari impegnati nel progetto indicandone il ruolo e le funzioni ed il rapporto proporzionale inverso tra il costo del personale retribuito ed il costo del progetto.

6. Costi / Cofinanziamento / Autofinanziamento 0 – 15 punti

Per ogni progetto il punteggio verrà attribuito valutando la congruità dei costi rispetto al progetto e verrà valutato il peso e la natura delle quote di cofinanziamento superiore al 20%.

Non saranno ammessi i progetti con una valutazione inferiore a 60 punti su 100.

9 BUDGET

Ogni progetto dovrà prevedere un budget massimo di € 2.400,00 (duemilaquattrocento/00).
Sono ammessi cofinanziamenti da parte di Enti pubblici e privati, occorrerà in tal caso specificare e documentare la provenienza degli altri finanziamenti di copertura. Non saranno riconosciute spese non previste rispetto a quelle preventivate nel budget del progetto ed approvate dal CSVSN.

Il CSVSN provvederà al pagamento dei costi sostenuti, direttamente al fornitore della prestazione e/o del servizio, con bonifico bancario o assegno non trasferibile dietro presentazione del rendiconto finale delle attività, pervenuto e accertato nei termini citati all’art.13, impegnandosi a versare gli oneri di legge.

L’OdV è tenuta a comunicare a tutti i fornitori di beni e servizi che il pagamento degli stessi avverrà quando sarà completata la rendicontazione del progetto da parte dell’OdV ed il controllo da parte del CSVSN.

10 PRIORITÀ

In caso di parità di punteggio assegnato, sarà data priorità alle OdV che:

prevedono azioni rivolte alla ricerca di nuovi volontari;

• prevedono il partenariato fra associazioni, enti e organizzazioni diverse;

in caso di parità ulteriore avrà priorità il progetto spedito per primo (fa fede il timbro postale o la data della  ricevuta di accettazione Pec).

11 COPERTURA FINANZIARIA

Il CSVSN prevede una copertura finanziaria fino al 100% del costo del progetto; la percentuale di copertura finanziaria sarà calcolata sulla base del numero dei progetti ritenuti ammissibili e della graduatoria.

La copertura finanziaria per ogni progetto non potrà, comunque, essere superiore a € 2.400,00.
Il CSVSN si riserva il diritto di ridurre la copertura dei costi per quote inferiori a quelle richieste, con successiva rimodulazione quantitativa e proporzionale del progetto da parte della OdV proponente. Le azioni progettuali potranno essere avviate solo dopo l’approvazione da parte del CSVSN del budget rimodulato.

La copertura delle spese avverrà previa presentazione della rendicontazione.

12 SPESE

Tutti i documenti di spesa devono essere intestati al “Centro di Servizio al Volontariato San Nicola”.
Tutte le fatture devono essere emesse direttamente da chi ha prestato il servizio e/o ceduto i beni. Non sono ammessi soggetti intermediari.

Spese ammissibili

Sono considerate spese ammissibili solo i costi sostenuti dall’OdV per la realizzazione del progetto. A titolo semplificativo e non esaustivo si possono prevedere le seguenti tipologie di spese: produzione e riproduzione dei materiali, realizzazione di spese didattiche, video, pubblicizzazione, spese postali, rimborsi spese, affitto di spazi non altrimenti ottenibili, oneri assicurativi riferiti al progetto, spese per noleggio di attrezzatura e strumentazione.

I costi relativi al personale docente e/o relatore, vanno documentati mediante la compilazione e sottoscrizione dei fogli firma delle presenze e non potranno superare i seguenti parametri:

Fascia A: docenti universitari o persone esperte del settore con almeno 10 anni di esperienza, massimo € 85,00 orarie + Iva ove dovuta;

Fascia B: laureati da almeno 5 anni o persone esperte del settore con almeno 3 anni di esperienza massimo € 55,00 orarie + Iva ove dovuta;

Fascia C: altri, massimo € 40,00 orarie + Iva ove dovuta.

La quota oraria per tutor, coordinatori e figure lavorative secondarie, non formatori/ docenti, non deve superare il limite di € 20,00 lorde l’ora, e non rappresentare nell’importo complessivo più del 25% del costo totale del progetto.

Nel caso siano previste prestazioni professionali (docenti, relatori, ecc.) la OdV dovrà allegare i curricula dei professionisti all’atto della presentazione della domanda se già individuati, e, comunque, almeno una settimana prima della realizzazione dell’attività per la quale è prevista la prestazione professionale. In caso di utilizzo di docenti, relatori differenti da quelli indicati nel progetto, l’OdV proponente deve sottoporre, almeno una settimana prima dell’inizio dell’attività, i curricula e/o profili professionali dei nuovi relatori, che il CSVSN si riserva di accettare come sostituti.

Il legale rappresentante dell’OdV deve rilasciare una dichiarazione in cui evidenzia che i prestatori di lavoro remunerati non risultino essere soci dell’OdV.

Le spese per il noleggio dell’attrezzatura dovranno essere motivate e riconducibili al progetto e non potranno superare il 5% del costo complessivo.

Saranno rimborsate solo le spese di viaggio, adeguatamente e analiticamente documentate, su richiesta dell’interessato, nella misura del costo delle tariffe dei mezzi pubblici.

Le spese forfetarie non documentabili (spese postali, telefono, fax, scontrini fiscali,ecc.) sono rimborsate, fino ad un importo massimo pari al 4% del costo complessivo, previa dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante dell’OdV.

Laddove siano presenti obblighi nei confronti della SIAE l’OdV è responsabile dell’adempimento degli stessi. Gli eventuali costi per la stessa possono essere inseriti nel budget preventivato o essere a carico dell’OdV.

Spese non ammissibili

Sono considerate spese non ammissibili quelle relative all’attività ordinaria e al funzionamento dell’OdV (affitto della sede, spese telefoniche generali, cancelleria, segreteria, ecc.), i costi della progettazione, spese non documentate o documentate in modo generico, acquisto o ristrutturazione di immobili, spese di viaggio collettivo, rinfreschi, acquisti di generi alimentari e vestiario. Non sono ammesse le spese di assicurazione per l’attività ordinaria dell’OdV.

Non sono consentite anticipazioni ai fornitori, salvo casi eventualmente autorizzati dal CSVSN previa presentazione per iscritto di richiesta dettagliatamente motivata.

13 RENDICONTAZIONE

La rendicontazione dovrà contenere i seguenti documenti:

relazione finale del progetto con specificazione del calendario, dei luoghi e dei tempi di svolgimento delle azioni. La relazione finale dovrà evidenziare i risultati prodotti, le ricadute del progetto, i dati sul numero di volontari coinvolti, documentazione varia, ecc. Inoltre sarà necessario allegare una copia di tutto il materiale prodotto: pubblicazioni, dispense, cd rom, foto, cassette, filmati, rassegna stampa, comprovante l’attività realizzata;

bilancio consuntivo del progetto (congruente e confrontabile con il preventivo) con allegati gli originali delle fatture e delle ricevute;

tutta la documentazione deve essere presentata suddivisa per le diverse attività progettuali;

i rimborsi spesa chiaramente riconducibili al progetto, con motivazione, descrizione dell’azione, del luogo e della data di riferimento, anch’essi suddivisi per le diverse attività.

Fermo restando il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto, le OdV possono variare fino ad un massimo del 15% gli importi indicati nelle macrovoci di budget, senza essere vincolate alla richiesta di autorizzazioni.
Oltre tale scostamento le associazioni sono obbligate a chiedere l’autorizzazione per iscritto al responsabile dell’area.
In ogni caso il CSVSN non coprirà spese eccedenti il budget approvato.

Non saranno ammesse spese sostenute fuori dai tempi di svolgimento del progetto (dalla data di inizio alla data di fine del progetto, eccetto quelle per la pubblicità).

I pagamenti avverranno sulla base delle spese effettivamente rendicontate. La rendicontazione deve essere consegnata in ogni sua parte, ed interamente, solo dopo il termine del progetto, e comunque entro un mese dal termine dello stesso, pena la sospensione della copertura delle spese.
14 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

Il CSVSN si riserva la facoltà di verificare, in itinere e successivamente la conclusione del progetto, l’effettivo svolgimento e la realizzazione delle azioni previste, il grado di raggiungimento degli obiettivi, la partecipazione dei volontari, il coinvolgimento di destinatari finali, il noleggio delle attrezzature indicate, il reale utilizzo delle stesse per i soli scopi associativi indicati nel progetto. Tutto ciò pena l’esclusione da bandi e finanziamenti successivi, nonché da quello in oggetto.

In caso di gravi inadempienze circa lo svolgimento del progetto il CSVSN può a proprio insindacabile giudizio, interrompere la copertura finanziaria, comunicandola con raccomandata all’OdV proponente.
15 PROMOZIONE

Il progetto dovrà essere pubblicizzato in tutto il territorio di riferimento in cui ha sede l’OdV.

Nelle comunicazioni formali (rapporti con la stampa, Enti ed Istituzioni, manifesti, volantini, ecc.), il materiale deve obbligatoriamente contenere il marchio del CSVSN da richiedere a mezzo e-mail all’indirizzo promozione@csvbari.com recante la dicitura “Progetto promosso dal Centro di Servizio al Volontariato San Nicola”. Analoga dicitura dovrà essere riportata sui materiali prodotti alla fine o durante lo svolgimento dell’iniziativa: pubblicazioni, dispense, filmati, documenti, ecc. pena il non riconoscimento delle spese relative al progetto.

Il marchio del CSVSN deve essere obbligatoriamente riprodotto senza alcuna variazione nelle proporzioni, nel carattere, nel colore, nello sfondo, ecc. Inoltre prima della stampa del materiale pubblicitario le OdV dovranno inviare la bozza di stampa al coordinatore di Area per l’approvazione, pena il non riconoscimento delle spese di stampa.

Nel caso in cui sono previsti attestati di partecipazione devono essere firmati anche dal Presidente del CSVSN.
16 SOSTEGNO E CONSULENZA

Gli operatori del CSVSN sono disponibili – previo appuntamento – per consulenze e assistenza alla progettazione.

È consigliato un contatto antecedente la presentazione della domanda allo scopo di centrare gli obiettivi del bando e produrre proposte metodologicamente corrette.
SCARICA IL BANDO E GLI ALLEGATI
icon Bando di Promozione 2014-2015 (154.75 kB)

icon Verifica Budget Promozione